• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

Alessia Va

vita

Vota questo post
Di fronte al terrore delle origini, di fronte alla solitudine inesorabile dell’infinito, gli esseri umani cercano una risposta guardandosi negli occhi. Le nostre esistenze non sono lasciate al caso come delle meteoriti ardenti nello spazio concavo, bensì nascono dalla linfa millenaria del grande creatore della vita, dall' "utero cosmico" che si nutre e respira con l'amore degli elementi. Nella luce delle origini, nella radura paradisiaca della realtà noi ci cerchiamo reciprocamente.

- Rolando Toro -
Categorie
Uncategorized

Commenti

  1. L'avatar di willy61
    Forùgh Farrokhzàd


    Sulla terra
    da "Tavallotd-e-dighè", "Un’altra nascita"
    Teheran 1964


    Non ho mai sperato
    diventar stella nel miraggio celeste.
    Non ho sperato,
    come un’anima eletta,
    accompagnare angeli silenziosi.
    Non mi sono mai separata dalla terra,
    non ho mai incontrato una stella.

    Sono in piedi, sulla terra.
    Il mio corpo: uno stelo d’erba
    che, per esistere, succhia
    il sole, il vento, l’acqua.

    Con i miei desideri,
    con il mio dolore,
    io sono sulla terra:
    voglio l’elogio delle stelle
    voglio le carezze del vento.

    Guardo dalla mia finestra.
    Non sono che l’eco di una canzone :
    io non sono eterna.

    Di una canzone, cerco solo l’eco,
    nel grido di un desiderio
    più puro del silenzio del dolore.

    Io non cerco il nido
    in un corpo steso come la rugiada
    sul giaggiolo del mio corpo.

    Sul muro della mia vita,
    uomini, viandanti,
    hanno tracciato ricordi
    col nero carbone dell’amore :
    un cuore trafitto da una freccia,
    una candela rovesciata,
    punti pallidi e silenziosi
    sulle lettere della follia.
    Tutte le labbra
    che sfiorarono le mie labbra
    hanno creato nella mia notte,
    una stella,
    che si posava sul fiume dei ricordi.
    Perché dovrei invidiare le stelle ?

    Questa è la mia canzone,
    Non ci fu mai niente, prima.

    Buona vita
    Guglielmo

Privacy Policy