• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

darcylia

Il mio carica-batterie

Vota questo post
Domenica.
a presentazione delle "mie ragazze": tutte lì, assieme a l'unico ragazzo del gruppo, Franz, che imperterrito resiste alle intemperie ma soprattutto a loro (cazpita, 1 contro 7.....mica facile!!!!!).
Mancava solo la Silvia B. (Agata, come l'hanno soprannominata le altre).
Ma, come dice la Sara, "ognuno fa le sue scelte".

Nel pomeriggio, al cinema con la Dauser!!!!
D'inverno è sempre piuttosto piacevole andare al cinema, in più con la Dauser, con cui è da tanto che non passo un po' di tempo.
Il film l'ha scelto lei: "Melissa P.".
Non mi è piaciuto molto. Forse perchè non mi sono immedesimata nei turbamenti della protagonista.... La Dauser invece sì.
E abbiamo parlato.
Mi ha detto che sta male, che non ce la fa più a sopportare la situazione che si è creata in casa, il rapporto con suo padre ("Io NON ho un padre, non l'ho MAI avuto", mi ha detto proprio così).
Ha iniziato ad andare in analisi. Ha fatto 3 primi incontri di prova e si è trovata molto bene, perciò ha detto che continuerà. Mi ha parlato di quello che ha scoperto, di quello che forse già sapeva di sé ma non voleva ammettere perchè fa male scavare dentro se stessi.
E io.....ero un po'......impreparata.

Forse impreparata non è il termine giusto, ma non saprei come descrivere meglio il mio stato d'animo.
Laura è una persona per me molto, molto cara.
Grazie a lei e alla sua presenza e amicizia, ho passato il periodo delle scuole medie e soprattutto delle superiori: senza di lei credo che sarei sprofondata in quel mare di solitudine, rabbia e sconforto che provavo ogni giorno, per colpa dei miei compagni....per 5 anni. Ma c'era lei.
E io sono sopravvissuta.

Poi con l'università ci siamo andate lentamente perdendo.
Non so bene per quali motivi. Di sicuro l'impegno delle lezioni, i ritmi diversi....ma anche un nuovo mondo che per entrambe era iniziato che ognuna viveva a suo modo. Ci sentivamo. Poco però. Soprattutto ci vedevamo molto meno.
Poi quest'estate, la svolta.

Mi chiama un pomeriggio per andare in piscina con lei ed una sua amica. E io accetto.
E da lì ci siamo riscoperte, riconosciute, ritrovate.
E Laura ha ripreso a riparlarmi di lei, di quello che le accade e accadeva, di come stava. Ho finalmente capito perchè sia stata così male alle medie.....e quando io durante la pausa dopo pranzo facevo la psicologa per gioco e la facevo sdraiare sulla panchina facendole appoggiare la testa sulle mie gambe, lei cominciava a parlare..... E tutte le volte che sono andata a casa sua per studiare o semplicemente per stare assieme....e vedevo suo padre e il suo comportamento verso di lei e di Francesco.....e ingenuamente non mi domandavo niente, anche se sembrava strano....
Ora ho capito e capisco.

Sentire Laura che ha ripreso a parlarmi di tutto questo e di sé un po' mi ha disarmata: era da tanto che non accadeva. Eppure adesso siamo di nuovo vicine
E sapere che lei tiene così tanto a me da raccontarmi così tanto di sé, mi fa capire che lei non si è mai dimenticata di me, che mi ha sempre tenuto in mente, che io ho sempre avuto un posto d'onore tra le sue amicizie.
E che la nostra amicizia, a dispetto di tante altre, è autentica.

Ora ne ho la prova.
Per crederci. Per continuare a credere nell'amicizia.

Com'è finita questa domenica? Nel migliore dei modi. Il mio preferito: LE PROVE STRUMENTISTI!!!!!!
E sono state delle prove fantastiche: tutto il primo atto del musical, senza grandi pause se non per rifare alcuni pezzi venuti male, in tempo record!!!!
I ragazzi hanno suonato proprio bene, ma soprattutto erano carichi. E io, almeno per una volta, ho potuto provare tutti e 2 i pezzi di Maria Maddalena (in particolare il secondo, "I Don't Kwon How To Love Him"..... Valerio ha dei suoni meravigliosi in questo pezzo!!!!! ).

Che dire? Sono molto soddisfatta del lavoro che i ragazzi stanno facendo e pure loro ne sono entusiasti.
Il 18 ci sarà la prova generale del primo atto assieme al coro, gli attori e i ballerini.
I ragazzi e il gruppo coro saranno pronti. Gli altri temo di no....
E ci sarà da ridere, allora. O da piangere.



30-11-2005 12:16
Categorie
Old Blog

Commenti

Privacy Policy