• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
View RSS Feed

L'amore conta conosci un'altro modo per fregar la morte?

Rifflessione su:La morte non è niente..

Vota questo post
RIFLESSIONE DI BRUNO SAVINO:
Se io volessi alleviare al massimo il dolore che un essere umano (meglio se bambino) prova quando una persona cara muore, potrei anche tentare di dire qualche cosa di simile, magari non sarei capace di ottenere la stessa efficacia. Probabilmente per l'Homo Sapiens - ed in particolare per i suoi cuccioli - questo è l'unguento più adatto per quel genere di profonde ferite. Lasciatemi però pensare che esista anche un'altra via, che l'Homo Sapiens abbia anche una sottospecie (o una sopraspecie?) ...(Homo Sapiens Atheus?)... di cui non so il nome ma della quale sicuramente faccio parte, che resterebbe attonito a sentirsi dire le stesse parole, delle quali non sente proprio di avere alcun bisogno.
Per non restare nell'astratto leggo e commento quanto dice Sant'Agostino, ipotizzando che lui lo dica a me, per conto di mio padre, morto da più di vent'anni.

"La morte non è niente"


...la considero, al contrario, qualche cosa di estremamente significativo e di definitivo per chi non c'è più. Per me, invece, da quel momento, è iniziato un percorso. Io, la sua morte, l'ho vissuta con tenerezza (ero con lui quasi ogni notte del suo ultimo mese di vita) e ho fumato con lui le sue ultime sigarette, di nascosto, nel bagno dell'ospedale. Ho provato e provo tutt'ora quando ci penso, un grande vuoto, un dolore ancora vivo e, nel contempo, una grande pace pensando che lui ha compiuto il suo ciclo di esperienze fondamentali: nascere, vivere e morire. Tutto ciò va accettato, senza pietose minimizzazioni.

"Sono solamente passato dall’altra parte: è come fossi nascosto nella stanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu."
...non lo credo proprio, tutto è cambiato, mio padre non c'è più, da nessuna parte, tranne che nei ricordi miei e di tutte le altre persone che lo hanno conosciuto ed amato.


"Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare; parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato."

...sono d'accordo con Sant'Agostino, quando penso a mio padre, faccio più o meno così. Anche se, onestamente, non posso dire che mi rivolgo direttamente a lui. In certi momenti difficili mi capita di pensare: "...chissà cosa avrebbe fatto papà in questa situazione", ma
non: "...papà, tu che avresti fatto in questa situazione?"

"Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami! Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza."

...supponiamo che sia successo ieri: perché kacchio devo far finta di niente? Quale preghiera devo rivolgere e a chi? Mio padre non c'è più ed io sono triste, devo essere triste, voglio esserlo! Mi manca e questo è doloroso! Poi il tempo passa ed addolcisce anche le emozioni più dure. Oggi posso sorridere ricordando certi nostri momenti, quando parlo con mia madre di lui o quando, da solo, lo penso in un certo modo.


"La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto: è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza. Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo."
...qui mi rivolgerei direttamente a lui, come se potesse sentirmi: "...papà, ma che cosa dici? OK, la mia vita, sostanzialmente, è la stessa di prima, ma la tua non c'è più, è finita e non possiamo farci niente. Tranquillo non sei fuori dai miei pensieri, anche se devo confessarti che il passare degli anni li rende sempre più deboli, più sfumati. E sappi anche che se la tua attuale "vita" sono i pensieri di chi ti ricorda, anche questo prima o poi finirà. Per chi non viene ricordato sui libri di storia, dopo tre o quattro generazioni non c'è più memoria. Può oggi rimanere a lungo qualche foto, qualche filmato, che forse i nipoti dei tuoi pronipoti potranno anche sfogliare o proiettare tra cent'anni, ma tutto finirà lì. E non continuare a dirmi che sei qui vicino, dietro all'angolo. No, non ci sei proprio più, da nessuna parte!".

"Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace. Sant’Agostino"

...queste ultime righe meritano una risposta diretta a Sant'Agostino:
"...è appena morto mio padre e tu mi dici di rassicurarmi e che va tutto bene? Va tutto male, invece, ed io sono incazzato come una bestia. Aveva 67 anni, era una persona splendida, onesto, generoso e veramente buono. Aveva lavorato per quarantacinque anni senza fare mai un giorno di ferie (non scherzo). Poi il giusto premio: un bel cancro che se lo è portato via in sei mesi. Caro Sant'Agostino, non va bene proprio per niente. Non capisco quale "tenerezza purificata" devo ritrovare oggi dal cuore di mio padre che è morto? Io ricordo la tenerezza che mi dava da vivo ed era fantastica e non aveva bisogno neanche un pò di purificarsi con un cancro! Lasciami piangere quanto voglio. Arriverà un momento (e così è stato) in cui le mie lacrime si asciugheranno da sole e quando tornerà il mio sorriso (ed è poi tornato) quello sarà il momento della mia pace e non della pace di mio padre. Lui la sua pace l'ha trovata subito, un istante dopo essere morto, quando la sua coscienza di sé è finita, con la morte dell'ultima cellula che ne conservava l'ultima traccia elettrochimica."
Questi sono i miei pensieri e le mie percezioni sulla morte e sull'elaborazione del lutto, in chiave naturale ed assolutamente materialista. Oggi questo è il modo di pensare di circa 900 milioni di esseri umani poi ci sono ancora quei 5 milioni che credono in qualcosa di più grande, La logica del perbenismo che si dovrebbe seguire quando si trattano argomenti di questo genere mi porterebbe a concludere più o meno così:
"Non sono certo che la mia visione sia quella più giusta, però, è uno tra i tanti punti di vista, la verità non la conosciamo direttamente, ...ecc. ecc."
Ma non ci riesco, ho mille indizi e centinaia di prove per essere sicuro che su questo tema i 900 milioni ci vedano più chiaro degli altri 5 milioni...Pensateci.
Bruno Savino


MIO PENSIERO PERSONALE:
"SAREBBE BELLO CREDERE SEMPRE NELLE PAROLE DI QUESTA POESIA MA NON è FACILE,SPESSO LA SOFFERENZA PRENDE IL SOPRAVVENTO,io non sò se appartengo ai 900 o 5 milioni di persone,credo di appartenere ad entrambi,perchè un giorno penso che ci sia veramente qualcosa che dia un senso anche alla morte e che esista per ognuno di noi un percorso e un ruolo gia segnato da percorrere,a volte invece perdo tutte le speranze che ci sia qualcuno ad ascoltarti e non credo più in nessuna vita futura.....ma rimango sempre instabile e per fortuna non prendo mai una posizione ben definita"

Updated 06-01-2009 at 14.02.00 by Anymore89

Categorie
Uncategorized

Commenti

Privacy Policy